Le parole della notte
  • Poesie, vite avventurose, storie di artisti mescolate a storie di cronaca: uno zibaldone di pensieri che si formano di notte e talvolta svaniscono di giorno
    A cura di Paolo Di Mizio
  • 15.10.13
    Quando il giornalismo era passione e i grandi giornalisti insegnavano non solo le regole del mestiere ma anche le regole della vita. 

    Una volta c’erano maestri di giornalismo, che erano prima ancora maestri di vita. Questa foto ritrae la redazione di “TvTv”, il primo e più famoso programma di informazione di Canale 5, l’antesignano del futuro Tg5. Era il lontano 1987.

    “TvTv” era diretto da Arrigo Levi, la cui intelligenza, dirittura morale, cultura, levatura di pensiero e lucidità di scrittura, ne fanno uno dei maggiori giornalisti italiani contemporanei. Lo riconoscete, è il primo in basso a destra.

    Il vicedirettore si chiamava Angelo Campanella, quello che vedete con giacca e pullover a rombi. Prematuramente scomparso e oggi purtroppo dimenticato da molti, è stato uno dei maggiori narratori per immagini che la televisione italiana abbia mai avuto. Fu tra i fondatori della leggendaria “Tv7” della Rai. Da lui ho appreso, in materia di tecnica televisiva, quasi tutto ciò che so. Mi considero un suo allievo, l’ultimo di tanti giovani che ha formato: l’ultimo di una piccola stirpe di Mohicani.

    Alla sua destra la collaboratrice di Levi, Esmeralda Salvatore, giovanissima, e per noi inviati un supporto vitale. È lei che ha conservato, e mi ha mandato, questa emozionante (per noi) fotografia di gruppo.

    Dietro a Levi, riconoscete Rita Dalla Chiesa, biondissima e bellissima. Era la star, tra noi inviati speciali. Già allora bravissima, intelligente, umana, di grande correttezza personale e professionale. Oggi, Rita non è cambiata di una virgola. Anzi, nel tempo, è diventata anche lei una maestra di vita.

    Alla destra di Rita, altri due inviati speciali dal nobile pedigree: Chiara Beria di Argentine (ex Espresso e La Stampa) e Franco Bucarelli (ex Rai).

    In piedi, all’estrema sinistra dello schieramento, Salvo Pons de Leon, bravissimo, anche lui ex Rai, prematuramente scomparso. Alla sua destra Claudia Piga (oggi. Al Tg1) e sua sinistra, in maglia bianca, Donata Scalfari, oggi corrispondente da Parigi per le testate Mediaset.

    E per finire il giro di quel manipolo di inviati speciali, o “inviati d’assalto” come ci chiamavano, c’è quel ragazzo sorridente, con baffetti, giacca sportiva, cravatta, capelli lunghi e un invincibile passione per il giornalismo. In verità quel ragazzo oggi conserva tutto di allora, tranne la giacca: ha i baffetti, i capelli lunghi (ormai brizzolati) e lo stesso, testardo, autolesionistico amore per la verità.

    La foto è sbiadita, invecchiata. Ma per noi che fummo “i magnifici moschettieri” di Canale 5, non è sbiadita, né invecchiata di un giorno.


    Sono presenti 0 commenti

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa